giovedì 10 novembre 2011

Frolla patriottica

"Il patriottismo è, fondamentalmente, la convinzione che un particolare paese è il migliore del mondo perché ci siete nati."
George Bernard Shaw, Il mondo, 1893

Crostata tricolore



Ingredienti:

- 2 uova;

- 160 gr burro;

- 300 gr di farina; 

- 150 gr di zucchero; 

- kiwi, mela, fragole;

- marmellata secondo il proprio gusto.


1)   In una ciotola lavora le uova con lo zucchero.

2)   Aggiungi il burro a temperatura ambiente in pezzi.

3)   Aggiungici la farina e amalgamalo con le mani, poi impasta velocemente su di una spianatoia. Fanne una palla omogenea, avvolgila nella pellicola e lasciala riposare in frigo per almeno ½ ora.

4) Estrai la palla di frolla dal frigo, stendila sulla carta da forno, quindi ponila in una teglia rettangolare e taglia la pasta in eccesso. Stendi la pasta rimasta e con l'aiuto di un coltello, dalle la forma dell'Italia (puoi aiutarti tenendo davanti un'immagine!).

5) Inforna la teglia e il biscotto a forma di stivale per 15-20 min. a 180°C

6) Farcisci la crostata con un velo di marmellata.

7) Taglia a fettine la frutta e disponila sulla marmellata in modo da disegnare la bandiera italiana.

Ecco la mia bandiera golosa!


Fatta eccezione per i campionati sportivi, ormai sono davvero poche le occasioni che ci fanno sentire orgogliosi del nostro Paese.

Amo l’Italia per i suoi paesaggi, per la cultura, per il calore della gente. Sono orgogliosa dell’Italia quando abbraccia un popolo sofferente, quando non si abbatte davanti alla crisi, alle difficoltà, ma va avanti con dignità...

Questo è il mio omaggio per il tuo 150° compleanno:
Auguri Italia!




Scarica la scheda riassuntiva della ricetta!



1 commenti:

MissMeiko ha detto...

Hai ragione, purtroppo sono poche le occasioni che ci fanno sentire orgogliosamente italiani, sigh!
Però, magari, è proprio partendo da queste piccole occasioni che possiamo - come dire - ricominciare?! :)
Bella, mi piace questa ricetta!

Posta un commento

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001.

Nella riproduzione delle opere, liberamente utilizzate e sempre citate, ci si è avvalsi dei modi e dei limiti statuiti dagli artt. 65, 66, 68, 70 della legge 22/4/41 n° 633 sulla "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio". In caso di presenza di materiale coperto da Copyright di cui i curatori non siano a conoscenza, la responsabile si impegna, sotto previa comunicazione, a rimuovere immediatamente i file